Incontri

La scuola riconosce il ruolo primario della famiglia nel contesto educativo del ragazzo e ritiene indispensabile la partecipazione dei genitori alla vita della scuola, essendo la maturazione e la formazione personale degli studenti il loro principale obiettivo.
Il consiglio di Classe adotta in varie forme una serie di accorgimenti volti ad agevolare i rapporti tra docenti, genitori e alunni, nonché a garantire la comunicazione e l’informazione.
Per tale motivo diversi sono i momenti e gli strumenti predisposti dalla scuola per facilitare il contatto con i genitori:

– “Open day”: la scuola rimane aperta a chi volesse visitarne gli ambienti e conoscerne il progetto educativo. In questa occasione, tramite la compilazione di appositi questionari, si dà spazio di ascolto alle aspettative dei visitatori. E’ possibile inoltre prendere visione del POF.
– Colloquio tra il team di classe e i genitori degli alunni iscritti alla prima media ad inizio anno.
– Assemblee genitori/docenti : in questa occasione classe per classe, viene presentata e condivisa la programmazione educativo – didattica e viene eletto il genitore rappresentante di classe.
– Assemblea di fine 1° quadrimestre per la condivisione dei risultati e del cammino fatto.
– Colloqui settimanali con i docenti secondo il calendario stabilito ad inizio anno e comunicato alle famiglie.
– Udienza generale (una a quadrimestre) con tutti i docenti.
– Lettera informativa alle famiglie, a metà quadrimestre, per informare sul rendimento scolastico.
– Registro elettronico al quale ogni famiglia può accedere con una password per consultare la pagina relativa al proprio figlio.
– Partecipazione dei rappresentanti di classe ad almeno un Consiglio di Classe a quadrimestre ( o più se ve ne fosse necessità).
– Partecipazione dei rappresentanti dei genitori al Consiglio d’Istituto.
– Colloqui con la Preside che riceve previo appuntamento concordato con la segreteria didattica.

Naturalmente, oltre a questi momenti previsti dal calendario, la scuola si impegna ad offrire costante attenzione e disponibilità al dialogo nell’ interesse dello sviluppo sereno e armonico dei ragazzi.