Qualità

L’Educativo Canossiano trova le sue fonti, il suo motivo ispiratore, il suo scopo ed i suoi obiettivi nel vissuto della Fondatrice, S. Maddalena di Canossa, che guardò alla società del suo tempo con lo sguardo misericordioso di Gesù, ne colse i bisogni e si fece promotrice di educazione e di istruzione.

Anche nel mondo di oggi è presente il bisogno educativo: l’educazione infatti è basilare nella formazione della persona e nella costruzione della società.

La formazione del cuore è il nostro impegno prioritario, ci sentiamo chiamati ad accogliere in modo incondizionato, ad accompagnare, nel loro cammino di crescita globale, i bambini, i fanciulli e i ragazzi, a noi affidati, consapevoli che “la Scuola è la messe che costa più cara, ma rende molto frutto, dipendendo ordinariamente dall’educazione la condotta di tutta la vita” (Maddalena di Canossa).

E’, inoltre, responsabilità di tutti i docenti introdurre alla realtà e al suo significato, attraverso percorsi formativi che aiutino ciascun allievo ad *acquisire con serena gradualità solide competenze disciplinari, culturali, intellettuali, creative, di ricerca e di sperimentazione *maturare la consapevolezza di essere soggetti in evoluzione, attraverso la scoperta e l’osservazione, mettendo a frutto i propri doni orientandoli al bene; *approfondire la conoscenza dell’altro nel dialogo e nella collaborazione; *stringere amicizie basate sulla reciproca sincerità e sulla condivisione; * avviare alla consapevolezza del valore dell’apprendimento e dell’importanza di acquisire un efficace metodo di studio ; *maturare atteggiamenti di concentrazione nel lavoro scolastico, comprendendo l’importanza di seguire indicazioni metodologiche e operative, relative ad ogni situazione di apprendimento e mirate a sviluppare razionalità e autonomia; * acquisire una capacità critica e comunicativa.

La nostra Scuola vuole essere, così, centro di via, di crescita e formazione di un’umanità preparata e positiva , dove la consapevolezza della dimensione religiosa dell’esperienza umana, attraverso il messaggio cristiano, stimoli testimonianze di fede nei gesti della quotidianità e nella condivisione di momenti di riflessione, anche relativi alle problematiche di realtà vicine e lontane.

 

La Qualità del nostro servizio scolastico si esplica nell’attenzione di tutto il personale operante per garantire ad ogni alunno, nel miglior modo possibile, tutte le condizioni affinché egli possa crescere bene in cultura ed umanità, pronto ad affrontare i vissuti contemporanei e le sfide formative successive. La nostra Scuola si impegna, conseguentemente, nell’attuazione di strategie educativo-didattiche efficaci, con azioni mirate alla piena espressione e al costante sviluppo dei valori e delle potenzialità spirituali, umani ,culturali di ogni alunno.

La Scuola Canossiana pianifica i suoi interventi formativi conformemente alle Indicazioni e Norme Ministeriali in vigore e nel rispetto dell’individualità degli alunni, delle esigenze delle famiglie, delle specificità dei contesti socio-culturale e territoriale.

Le azioni che si intraprendono, sia sul versante più propriamente didattico- pedagogico che gestionale ed organizzativo, sono sottoposte a continua verifica e controllo critico-valutativo-autovalutativo e sono documentate secondo criteri di oggettività e trasparenza.

L’intero servizio scolastico, nei suoi Processi Primari e di Supporto, è costantemente monitorato e i risultati registrati, per un’analisi migliorativa e di tenuta costante del sistema.

Tutti i soggetti, per ogni verso e misura impegnati nell’istituzione Canossiana, sono sempre direttamente interpellati e coinvolti in ordine alla qualità del servizio cui sono chiamati e ne danno conto con interventi specifici correlati alle competenze assegnate, sia in fase ideativa che esecutiva, di controllo, di autovalutazione, di pianificazione in progresso.

L’aggiornamento professionale è stimolato e sostenuto, così come la conoscenza delle linee normative contemporanee in tutti i campi: gestionale, organizzativo, pedagogico-didattico, amministrativo.

Vengono riconosciuti ed accolti i principi della centralità dell’alunno, della formazione integrale della personalità, dell’importanza prioritaria della famiglia nella formazione dei figli e nella corresponsabilità con la Scuola, della rilevanza degli aiuti personalizzati nel processo educativo, del raccordo tra Scuola ed Enti territoriali e non, per favorire il supporto, il potenziamento, l’integrazione, l’approfondimento nei processi formativi.

Pavia 1/09/2016     REV 12            RAQ e RD: Giovanna Mavio       Francesca Arienti

 

Leave a Comment