Protagonisti

La Comunità Educante è costituita da tutti coloro che partecipano alla vita della Scuola Primaria Paritaria “Maddalena di Canossa” e ne alimentano l’esperienza educativa e culturale.

Ciascuno, secondo il proprio ruolo e in raccordo con le altre componenti, contribuisce al raggiungimento dei fini propri dell’azione educativa, alimenta e rafforza l’identità della Scuola, crea interventi miglioramento, di innovazione e di ricerca pedagogico-didattica.

I principali componenti della Comunità educante della Scuola Primaria “Maddalena di Canossa” sono:

  • Gli alunni: sono soggetti titolari del diritto di educazione e di istruzione e sono pertanto portatori di domande e di esperienze, che la scuola valorizza. Ad essi, tuttavia, viene richiesta una consapevolezza del dovere, con riferimento anche alla dimensione sociale degli obiettivi educativi:

– di acquisire la capacità di collaborare con profondo senso del dovere all’azione educativa e alle altre attività curricolari ed extracurricolari;

– di relazionarsi positivamente con tutti i membri della comunità;

– di esprimere, anche con il comportamento e la correttezza del linguaggio, la coerenza che la Scuola richiede.

  • I genitori: I genitori sono i primi protagonisti dell’educazione dei loro figli e trovano nella Scuola l’aiuto e l’integrazione al loro primato educativo. Ai Genitori la Scuola rivolge l’invito di:

– condividere i valori educativi a cui la scuola si ispira;

– prendere coscienza della corresponsabilità educativa;

– privilegiare il dialogo costruttivo con la Scuola nel rispetto di tutte le sue componenti;

– partecipare ad incontri formativi che favoriscano ed aiutino il loro compito educativo;

  • I docenti: concorrono in maniera determinante a delineare la fisionomia della scuola.

La loro competenza professionale, la loro passione educativa e la loro testimonianza di credenti sono fattori educativi prioritari. Promuovono, attraverso la trasmissione della cultura, lo sviluppo della personalità dell’alunno in età evolutiva e lo aiutano a superare eventuali difficoltà. Si caratterizzano per:

– un impegno di aggiornamento nelle metodologie didattiche e pedagogiche;

– disponibilità al lavoro collegiale;

– apertura al dialogo con gli alunni e con le loro famiglie;

– capacità di guidare incontri formativi e informativi;

– disponibilità alla collaborazione e al confronto con le varie realtà educative.

Non vi è distinzione fra insegnanti religiosi e laici: sono infatti comuni la vocazione, la responsabilità educativa e la testimonianza di credenti al servizio della scuola.

I docenti, individualmente e collegialmente, sono garanti della serietà e dell’efficacia dell’azione educativa didattica.

Sono essi, infatti, che determinano la qualità dell’azione educativa nel rispetto al diritto di ciascun soggetto all’educazione integrale personale e all’istruzione. Il servizio educativo-didattico dei docenti tiene conto dei bisogni degli alunni, di una relazionalità umana e professionale, del rispetto di regole e norme.

  • Il Gestore e Direttore di Plesso: è segno di unità nella comunità religiosa e punto di riferimento tra l’Istituto e la Comunità Educativa. Segue e monitora costantemente l’opera di pianificazione programmatica educativo-didattica e la sua attuazione. E’ Responsabile e Referente della Scuola nella sua totalità, primo Dirigente di ogni vissuto, anche specifico, e di ogni soggetto operante. E’ affiancato dal vice-Direttore di Plesso, il RAQ (Responsabile Qualità dell’Istituto),con il quale condivide tutti i vissuti e l’operato.
  • La Coordinatrice Didattica: è la persona che guida e coordina tutta l’attività educativa, sostiene il lavoro dei docenti e del personale di segreteria, guida e controlla l’andamento della scuola e stabilisce la composizione delle classi. Approfondisce e condivide l’ispirazione carismatica della Scuola e ha il compito di attuarne gli obiettivi in collaborazione con la comunità religiosa. Vigila perché il servizio educativo sia effettuato in clima di comunione e di corresponsabilità. Dà particolare importanza alla cura formativa dei membri della Comunità Educativa assicurando persone, tempi e strutture adatte allo scopo. Rappresenta la Comunità Educativa quando deve trattare con agenzie esterne per la ricerca, l’aggiornamento, la partecipazione ad iniziative. Il Coordinatore didattico cura la qualità formativo – professionale del servizio educativo. Mantiene il dialogo con la Superiora della Comunità religiosa attraverso la quale ha ricevuto il mandato di dirigere la Comunità Educativa.
  • La psicologa: è la specialista esperta nelle difficoltà e disturbi dell’apprendimento. Offre un supporto professionale di analisi ed intervento psicologici per favorire il successo formativo di tutti gli alunni. Realizza sportelli di ascolto per genitori e bambini, svolge progetti specifici su tematiche emotivo-relazionali e lavori di supporto agli apprendimenti in collaborazione con gli insegnanti di classe.
  • Il personale della segreteria amministrativa: gestisce l’area economico-amministrativa della Scuola. Pertanto, in merito, si occupa di tutta la documentazione relativa alla gestione della cassa, alle iscrizioni ed alla frequenza degli alunni, alle buste paga e all’assunzione del personale (contratti di lavoro), all’approvvigionamento, alla sicurezza, al Protocollo generale, alle assenze/presenze del personale ecc.
  • Il personale della segreteria didattica: supporta tutto il lavoro educativo-didattico della Scuola; affianca il lavoro di pianificazione programmatica, elabora scritturalmente i documenti a valenza ministeriale e non, stende prospetti informativi, conserva verbali e documenti, richiede forniture se necessario, aggiorna il sito scolastico ecc.
  • Il personale ausiliario: è parte integrante della comunità educativa. Svolge il proprio lavoro in coerenza con il Progetto Educativo, collabora con i docenti, il Coordinatore didattico, il Gestore instaurando rapporti positivi con i docenti e con gli alunni.
  • Personale educativo aggiuntivo: sono i soggetti che a vario titolo (assistenti comunali e/o di cooperative, volontari, tirocinanti ecc) si affiancano alla realtà scolastica canossiana con compiti definiti dal Consiglio di Direzione della Scuola. Accolti e guidati nel loro operato, si situano nelle linee educative e di impostazione proprie dello stile canossiano, nel rispetto di tutta la normativa di riferimento (Privacy ecc)
  • Gli Enti Territoriali: sono parte integrante della “rete formativa” che rende vivo e operante il servizio educativo-didattico della Scuola Primaria Paritaria “Maddalena di Canossa”, in un dialogo aperto e continuo. Sono protagonisti di collaborazioni e attuazioni progettuali per il potenziamento dei saperi e delle competenze, permettono laboratori e visite esperienziali, completano e approfondiscono le conoscenze dei bambini, aiutano a sviluppare nei fanciulli personalità aperte, serene, socialmente utili e favoriscono la crescita delle capacità e degli orientamenti individuali sia in orario curricolare che extracurricolare scelto dalla Scuola.
  • Il Ministero dell’Istruzione e le Istituzioni Governative: sono garanti del buon andamento dell’intero Sistema Scolastico Nazionale e quindi anche della Scuola Primaria Paritaria “Maddalena di Canossa”, che, come realtà che offre un servizio pubblico, rispetta le Leggi e le Indicazioni che provengono da queste Istituzioni e ad esse risponde del suo operato e dei risultati che consegue, soprattutto in termini qualitativi.
  • L’Ente Canossiano: è l’Organo proprio e carismatico che sostiene l’indirizzo educativo della Scuola. Ad esso si riferisce il personale operante della Scuola per incarichi, cammini formativi, scelte e decisioni comuni.

 

RAQ: Giovanna Mavio

Direttore di Plesso: Francesca Arienti

Leave a Comment